Dal blog di Copyr Dal blog di Copyr

Pratiche agronomiche

Afidi nell’orto

pubblicato il 06.07.2017

Sono uno dei principali nemici delle piantine dell’orto, soprattutto quelle più tenere, gli afidi, spesso chiamati, in maniera inappropriata, “pidocchi” per il loro aspetto. Piccoli e tondi come la capocchia di uno spillo, ma numerosissimi, riuniti in folte colonie, imbrattano germogli e boccioli ricoprendoli del tutto. Gli afidi sono insetti dannosi in quanto si nutrono succhiando la linfa dai tessuti della pianta, indebolendo e alle volte deformandone fiori e frutti. Alcuni di loro, inoltre, sono pericolosi vettori di virus.
Numerosissime sono le specie di afidi diffusi su ogni tipo di pianta, non solo orticola, ma anche ornamentale e frutticola. Possono essere di colore verde, bruno o nero, comunque sempre molto prolifici.
Nell’orto, le specie maggiormente colpite sono i legumi, le insalate, le brassicaceae, zucchine, patate, ecc. Aphis gossypii, l’afide verde delle cucurbitacae; Macrosiphum euphorbiae, l’afide verde della patata; Aulacorthum solani, l’afide a macchie verdi della patata; Aphis fabae, l’afide nero della fava; Brevicoryne brassicae, l’afide ceroso del cavolo… sono tra le specie che maggiormente frequentano l’orto.
Che fare per eliminarli? Utilizzate, non appena ne vedete la presenza, un prodotto insetticida efficace nei confronti di queste specie: i prodotti a base di piretro sono efficaci e naturali, chiedete consiglio all’agronomo di Copyr.