Ravanello

Categoria: Orto

Il ravanello (Raphanus sativum) è una pianta originaria delle zone della Cina e del Giappone, viene coltivata per le radici - la parte commestibile - che possono essere di diverso colore (rosso, bianco, verde), forma e grandezza. Si tratta di una annuale, con ciclo vegetativo molto breve. La parte aerea presenta delle foglie piccole lobate (foglie incise ma con incavi non troppo profondi) ricoperte da una peluria sulla pagina superiore. Alla base della pianta, invece, le foglie sono più piccole e picciolate (di foglia, che hanno la lamina portata dal picciolo). I fiori sono di colore bianco, rosa o violetto; il frutto è una siliqua (frutto secco indeiscente che si apre in due valve e porta i semi attaccati a un setto mediano) che racchiude semi rossastri, rotondi o leggermente allungati.

Le varietà coltivate sono numerose e vengono classificate in base alla forma e colore della radice od alla stagione di coltivazione.

Tra le varietà più diffuse in Italia:

● i ravanelli Saxa, Cherry Belle, Maria, sono ravanelli precoci dalla forma tonda e dal colore rosso;

● il ravanello precoce a forma d'oliva a scorza rossa e radice oblunga;

● il ravanello medio -  tardivo rosso gigante a scorza rossa, radice tonda grossa;

● il ravanello medio - tardivo il lungo di ghiaccio a radice allungata e scorza bianca;

● il ravanello candela di fuoco, dal colore rosso e dalla forma allungata;

● ravanello lungo o Torino o tabasso dal gusto dolce senza toni amarognoli o piccanti.

In Giappone viene coltivato un ravanello chiamato Daikon che è lungo un metro circa. Il daikon crudo può essere servito in insalata, come guarnizione per piatti di sashimi, oppure marinato in aceto. Il ravanello può essere consumato sia crudo che cotto. Può anche essere utilizzato per la preparazione o la guarnizione di piatti a base di carne o pesce. Il ravanello, se cotto, può essere aggiunto a varie pietanze: alla minestra, alla frittata o anche al bollito.  Le foglie possono essere cucinate come gli spinaci, quindi essere aggiunte alle minestre o al purè di patate. Il ravanello crudo è una buona fonte di vitamina C, potassio, ed acido folico.

Coltivazione: la facilità di coltivazione lo rende adatto agli orti domestici. Il ravanello è facile da coltivare anche in cassette o in vasi ma in questo caso è preferibile seminare le varietà a radice piccola e tonda che hanno bisogno di contenitori meno profondi. Il ravanello, data la velocità di crescita, può essere seminato anche tra altri ortaggi a ciclo vegetativo più lungo

Messa a dimora: la semina a spaglio o in file va effettuata direttamente nell'orto nel periodo febbraio - agosto a seconda delle varietà. La profondità di semina è di 1 cm. Dopo la nascita delle giovani piantine può essere necessario un diradamento

Irrigazioni: abbondanti e frequenti. La mancanza d'acqua di solito rende molto amare e piccanti le radici

Raccolta: la raccolta avviene un mese dopo la semina, quando le radici sono ben sviluppate.


Afidi

Parassiti

Sono insetti molto piccoli (gli adulti misurano in genere 2 millimetri) che, pungendo foglie e petali, causano macchie decolorate.
La forma alata è la prima ad infestare la coltura. Successivamente si hanno forme attere (senza ali) che daranno inizio alla colonia. Le colonie colonizzano le foglie più giovani e i bottoni fiorali provocando rallentamenti vegetativi e danni ai fiori.

Come difendere i pomodori dagli afidi. Guarda il video tutorial

Vedi scheda completa

Puoi difendere la tua pianta con